logo

b_300_200_16777215_00_images_2016_croatia_flares_1806_620_401_100.jpg

Con la presente siamo a documentare la dichiarazione dell’associazione ombrello nazionale dei tifosi della nazionale croata relativamente agli eventi di Saint-Etienne, durante la loro partita contro la Repubblica Ceca, il 17 giugno a EURO 2016,  quando i sostenitori croati sono stati visti creare disordine all'interno delle tribune, gettando fuochi d’artificio in campo, e ferendo abbastanza seriamente uno steward con un petardo, che è saltato in aria quando quest’ultimo ha tentato di toglierlo dal campo. 

Crediamo che sia estremamente importante prendere in considerazione le loro opinioni e il loro lavoro per una valutazione adeguata degli eventi a Saint-Etienne, e auspichiamo che qualsiasi sanzione la UEFA dovesse decidere di applicare, venga riconosciuto il loro impegno proattivo contro il vandalismo da parte degli hooligans. Qui di seguito la loro dichiarazione:

Dichiarazione dell’associazione dei tifosi croati Uvijek Vjerni riguardo agli attacchi degli hooligan a Saint-Etienne

Alla luce dei recenti episodi di violenza e razzismo a Saint-Etienne, esprimiamo il nostro disappunto e la nostra condanna in quanto tifosi croati. Allo stesso tempo, ci sono ancora un po’ di questioni e osservazioni da prendere in considerazione:

Il 99% dei tifosi croati si è comportato bene, senza provocare alcun incidente e mostrando rispetto durante tutta la durata del torneo. Siamo molto orgogliosi della reazione prevalentemente calma, ma comunque di chiara opposizione della maggioranza dei tifosi croati all'interno delle tribune durante e dopo gli spregevoli attacchi degli hooligans. Il pubblico croato ha anche creato una pagina pubblica su Facebook, condividendo le prove dei terribili atti di violenza e razzismo, e rivelando i nomi degli autori in pubblico

La triste verità dietro a tutto ciò che è successo, è che tutti i piani e praticamente tutti i dettagli erano noti in anticipo. Le informazioni sono state condivise con la Federcalcio croata, con i media, con la polizia croata e con gli uomini della sicurezza UEFA. Tutti sapevano che gli hooligan croati stavano arrivando e che stavano progettando un attacco all'interno del campo.

In questo contesto, ci chiediamo come sia possibile che la polizia francese sia stata così ignorante alla luce di tutte queste informazioni?

Come è possibile che degli hooligans schedati possano entrare allo stadio dopo tutti gli avvertimenti? Come è possibile portare una tale quantità di fuochi pirotecnici e petardi in uno stadio e buttarli in campo, e tutto ciò dopo che la polizia e gli uomini della sicurezza dello stadio erano stati informati dei piani?
Era persino noto alla polizia, che i tifosi avevano progettato di invadere il campo al 85 ° minuto.

Come è possibile che gli hooligans siano stati identificati nelle tribune e segnalati agli steward e agli altri servizi e non siano stati presi provvedimenti?

Non è forse il compito della polizia quello di tenerci tutti al sicuro?

Se gli hooligans iniziano a lanciare le bombe, la polizia francese inizierà magari a reagire?

Perché noi, in quanto tifosi responsabili, ed i membri che gestiscono l’Ambasciata dei tifosi croati, che erano in possesso di queste informazioni, non sono mai stati invitati alle riunioni periodiche di sicurezza nonostante le ripetute richieste da parte dell'organizzazione dei tifosi Football Supporters Europe?

Come è possibile che i gli stessi hooligans responsabili praticamente degli stessi atti vandalici a Milano, siano ancora a piede libero?

Che cosa dobbiamo fare, a chi ci dobbiamo rivolgere, per essere finalmente ascoltati e poter cambiare la situazione?

Noi stiamo cercando di fare la nostra parte per cambiare le cose. Finora senza alcun effetto o sostegno istituzionale. Inoltre, veniamo puniti per le loro azioni, nonché dalle sanzioni UEFA, come le partite a porte chiuse. Che cosa ha fatto di male il 99% dei tifosi croati per meritare tutto questo?

Ci si aspetta forse da noi tifosi veri di ostacolare il vandalismo da soli, alla luce della mancanza di sostegno da parte delle agenzie di qualsiasi tipo, che siano statali, di polizia o delle istituzioni del mondo del calcio? 

I giornali di domani riporteranno il nostro comunicato stampa in cui abbiamo invitato tutti a venire a Bordeaux per sostenere la nostra squadra e per ostacolare gli hooligans, secondo il motto: La Croazia si autodifende a Bordeaux!

Molti gruppi di tifosi croati ci hanno contattato dopo gli attacchi e hanno espresso la loro ferma opposizione a quello che è successo, e hanno annunciato la loro presenza a Bordeaux. Molti veterani stanno arrivando da Spalato e da tutta la Croazia. Vogliono dimostrare che non vogliamo che il nostro calcio venga distrutto in questo modo, né dalla corruzione e dalla sporcizia a livello governativo, né dagli attacchi degli hooligan a spese di tutti i tifosi.

Stiamo invitando lo Stato croato e la UEFA a unirsi a noi nella lotta contro la violenza negli stadi. Ora è il momento di agire!

Facciamo appello alla UEFA e agli organi statali e calcistici croati per punire quegli individui che effettivamente commettono il reato, non le vittime, come ad esempio le molte migliaia di tifosi croati pacifici che hanno fatto festa in solidarietà internazionale con tutti gli altri tifosi in questo torneo EURO 2016.

Fan Club Uvijek Vjerni 
Croazia

______________________________________________________________________________________________


PRIOPĆENJE KLUBA NAVIJAÇA UVIJEK VJERNI VEZANO ZA HULIGSNSKO DJELOVANJA U SAINT-ETIENNEU

Povodom nedavnih nasilnih i rasističkih incidenata u Saint-Etienne, izražavamo zgražanje i osudu u ime svih pravih hrvatskih navijača. Istovremeno, postoji niz otvorenih pitanja i komentara koji zaslužuju odgovore.

Hrvatskih navijači nisu napravili niti najmanji incident te su tijekom cijelog turnira pokazivali poštovanje prema svima. Vrlo smo ponosni na jasnu i odlučnu reakcije protiv huligana unutar tribina za vrijeme i nakon odvratnog huliganskog napada. Hrvatska javnost kreirala je i javnu Facebook stranicu gdje se nakon evidentnih dokaza o nedjelima, imena počinitelja javno prikazuju u javnosti.

Tužna je istina da su svi planovi huliganskog djelovanja bili unaprijed poznati. Informacije je imao HNS, mediji, hrvatska policija i UEFAin djelatnik za sigurnost. Svi su znali da hrvatski huligani dolaze i planiraju napad.

U tom kontekstu, pitatamo se kako je moguće da je francuska policija bila toliko neupućena sa svim informacijama i logistikom?!

Kako je moguće da evidentirani huligani mogli ući na stadion nakon upozorenja? Kako je moguće da se unese tolika količina pirotehnike i topovskih udara na stadion te da ih se baca na teren, a sve to nakon što su policija i sigurnosne službe na stadionu bili informirani o planovima huligana?

Policija je znala, ušli su u 82 minuti, a prekid je planiran za 85 minutu.

Kako je moguće da su huligani identificirani i na tribinama te pokazani svim sigurnosnim sluzbama na stadionu i da se ništa ne dogodi?

Nije li to posao policije da svim posjetiteljima osigura sigurnost na stadionu?

Da su huligani bacali bombe, da li bi tada francuska policija reagirala?

Zašto mi kao odgovorni navijači i tim hrvatskog veleposlanstva za hrvatske navijače nismo pozvani na sastanak o sigurnosni unatoč traženja od strane Football Supporters Europe?

Kako je moguće da su huligani koji su odgovorni za doslovno ista nedjela u Milanu hodaju potpuno slobodni?

Što više trebamo učiniti, kome prijaviti da nas se konačno čuje i dogodi nešto?

Mi smo napravili naš dio posla kako bi se stvari promijenili. Nažalost bez učinka i bilo kakve podrške institucija. Pored toga, mi smo kažnjeni za postupke holigana sankcijama UEFA-e poput igranja pred praznim tribinama. Da li su pravi hrvatskih navijači krivi za ovo?

Da li se mi kao pravi navijači trebamo baviti problemom hooliganizma, budući nemamo nikakvu podršku od bilo koje državne institucije, policije, organizacije ili nogometnog tijela u ovoj borbi?

Novine u hrvatskoj ponavljaju naše priopćenje u kojem smo pozvali sve da dođu u Bordeaux i podrže našu reprezentaciju te spriječe huliganizam koji najviše šteti Hrvatskoj državi pod sloganom:

Hrvatska se brani u Bordeauxu!

Mnoge hrvatski navijački su nas kontaktirali nakon napada i izrazili svoje protivljenje onome što se dogodilo te su najavili dolazak u Bordeaux. Mnogi branitelji iz Splita i iz cijele Hrvatske dolaze na utakmicu. Svi s ciljem da se ne dopusti unistavanje hrvatskog nogometa na ovakav način niti uz korupciju i prljavštinu na razini vlade, niti huliganskih napada preko leđa svih navijača.

Pozivamo hrvatsku državu, a također i UEFAu da nam se pridruže u borbi protiv huliganizma. Sada je vrijeme za djelovanje!

Dodatno, pozivamo UEFA-u, hrvatsku državu i nogometne tijela da kazni one pojedince koji počinili zločin, a ne nas žrtve, tisuće pristojnih hrvatskih navijača koji su slavili feštu nogometa zajedno sa svim ostalim fanovima na cijelom EURO 2016.

Fan Club Uvijek Vjerni
Hrvatska