logo

b_300_200_16777215_00_images_2016_fanmarch_paris_german.png

La fase a gironi di EURO 2016 ha mostrato che si sono verificati molto meno incidenti lì, dove le autorità hanno collaborato in maniera costruttiva con i principali gruppi di tifosi delle Ambasciate dei tifosi in quanto parte della soluzione, che hanno contribuito ad una buona atmosfera per la maggior parte dei presenti, soprattutto durante le partite ad alto rischio. Chiediamo il rafforzamento di un dialogo sincero con i rappresentanti dei tifosi al fine di favorire la prevenzione precoce di problemi per il resto di questo torneo UEFA EURO 2016.

Le squadre di volontari di tifosi, provenienti  da 19 paesi partecipanti, organizzatori delle Ambasciate dei tifosi e dei relativi servizi per i tifosi in trasferta del progetto RESPECT FAN CULTURE, stanno disegnando un quadro predominantemente positivo della fase a gironi di EURO 2016. Allo stesso tempo, tutti loro hanno sottolineato chiaramente che,  gli episodi di violenza che si sono verificati, avrebbe potuto essere evitati o per lo meno ridotti al minimo se gli imput forniti dagli esperti delle Ambasciate dei tifosi fossero stati considerati e seguiti già dai giorni di preparazione alle partita.

Mentre la cooperazione e la comunicazione tra gli staff delle Ambasciate dei tifosi e le città ospitanti, nonché con la UEFA e l’ organismo nazionale DIGES sono state molto positive e ricche di fiducia, non è stato altrettanto con le autorità di polizia. Dove finora si sono verificati incidenti,  in questo torneo UEFA EURO 2016, la polizia di solito ha reagito troppo tardi e con escalation immediata contro tutti i tifosi, piuttosto che con un intervento proporzionato e mirato ad isolare i veri colpevoli. Ma dove la polizia e gli organizzatori hanno teso la mano allo staff delle Ambasciate dei tifosi, prendendo in considerazione le loro raccomandazioni e facilitando un clima di festa per la maggior parte dei presenti, difficilmente sono stati registrati incidenti. 

In particolare le autorità e gli organizzatori della città di Lens sono stati elogiati per la gestione di migliaia di tifosi in città, in occasione dell’incontro tra Inghilterra e Galles. Nonostante le grandi preoccupazioni per la sicurezza in vista della partita, in particolare dopo gli eventi a Marsiglia, la piccola città ha fornito un tranquillo e caloroso benvenuto a una folla enorme di appassionati di calcio. I tifosi inglesi e gallesi li hanno ripagati facendo una grande festa per le loro squadre, per tutto il giorno, senza incidenti rilevanti. Siamo sicuri che questo è il risultato di ampie consultazioni con i rappresentanti dei tifosi dello staff delle Ambasciate dei tifosi di entrambi i paesi, e dei loro incontri con i loro pari.

Sarebbe logico pensare che questa cooperazione dovrebbe essere promossa in tutte le città ospitanti, prendendola come esempio. Tuttavia, al contrario, e nonostante il lavoro positivo portato avanti dai tifosi volontari provenienti da 19 paesi, e pur consentendo la marcia dei tifosi, la città di Parigi ripetutamente non è riuscita a fornire adeguate strutture per permettere il lavoro delle Ambasciate dei tifosi,  per operare opportunamente durante le partite.

Inoltre, i numerosi divieti di vendita e consumo di alcolici in seguito agli incidenti a Marsiglia tra hooligan russi e inglesi, sono stati visti come una misura controproducente e come segno di impotenza dalla maggior parte dei sostenitori. E 'stato profondamente ingiusto, considerato che è stata la maggioranza di tifosi pacifici ad esserne più colpita, sebbene non avessero niente a che fare con gli episodi di violenza. Gli attacchi degli hooligan a Marsiglia, Nizza o Lille non sono stati causati da disturbatori ubriachi ma dalla pura volontà di creare problemi in combinazione con una risposta inadeguata da parte della polizia. E 'stato un approccio paternalistico punire tutti i tifosi, che non desideravano altro che godersi un evento di festa, e dovrebbe dunque essere urgentemente riconsiderato.

Tutto sommato, quello che dovrebbe essere più ricordato di questo EURO 2016 fino a questo momento sono la maggioranza di partite e incontri pacifici e festosi in tutta la Francia, con gli appassionati di calcio che celebrano la solidarietà internazionale comportandosi al meglio. Vorremmo anche che i media coprissero più ampiamente questo aspetto, come parte del loro contributo alla riduzione al minimo del campo d'azione e della visibilità di altri elementi di questo EURO2016.  

Coordinate da Football Supporters Europe, i seguenti 12 paesi partecipanti continueranno a gestire i servizi delle Ambasciate dei tifosi in trasferta in tutte le città ospitanti durante la fase finale di questo torneo UEFA EURO 2016: Svizzera (Fanarbeit Schweiz), Croazia (Fans Embassy Croatia), Galles (FSF Cymru), Irlanda del Nord (AONISC), Ungheria (Fans Embassy Hungary), Belgio (1895 Belgium Fan Club), Germania (Koordinationsstelle Fanprojekte & Fanclub Nationalmannschaft), Italia (Fans’ Embassy Italy), Francia (Irresistibles Francais), Repubblica d’Irlanda (YBIG), Inghilterra (Football Supporters Federation) e Islanda (Tolfan).

Fans' Embassy è il nome che è stato dato a un servizio di consulenza, informazione e sostegno per i tifosi che viaggiano per tornei internazionali o per trasferte in paesi stranieri, organizzate dai tifosi e per i tifosi. Per più di 20 anni le iniziative delle Fans' Embassies hanno contribuito a creare atmosfere di festa e a ridurre tensioni e violenze nei più importanti tornei. Sviluppato dai tifosi, il concetto oggi è riconosciuto come miglior prassi politica nel settore della sicurezza e della prevenzione a livello europeo. 

Informazioni utili:

Football Supporters Europe on Facebook

FSE Fans' Embassies on Facebook

Follow us on Twitter @FansEmbassies and @FansEurope for latest news!